CONCIME CE | Concime contenente un solo microelemento | Chelato di ferro `{`o,o`}` EDDHA Fe

Prodotto consentito in Agricoltura Biologica

Titoli dichiarati:

Ferro (Fe) solubile in acqua: 6%
Ferro (Fe) chelato [o,o] EDDHA: 5,3%
Agente chelante: [o,o] EDDHA
Stabile nell’intervallo di pH:  3,5–12

Materie prime:

Chelato di ferro ([o,o] EDDHA)

Formulazione:

Microgranuli solubili

Confezione:

> Sacco 5 kg
(cartone da 5 pz.)

Caratteristiche:

Ferro sotto forma chelata ad alta stabilità, pienamente e prontamente assorbibile per via radicale dalle piante, specifico per la prevenzione e cura della clorosi ferrica. Il ferro interviene in tutti i più importanti processi metabolici della pianta (fotosintesi, respirazione, riduzione dei nitrati per la sintesi proteica, biosintesi clorofilla, azotofissazione) ed entra a far parte di fondamentali ferro-proteine ed enzimi. È presente spesso nel terreno in forme non disponibili per le piante (immobilizzato per opera di fosfati e carbonati, fenomeno ravvisabile anche all’interno della pianta), determinando l’alterazione nutrizionale (clorosi). L’assorbimento e la traslocazione del ferro nelle piante possono avvenire quindi quasi esclusivamente in forme chelate o complesse, in cui l’elemento è protetto dai fattori insolubilizzanti esterni. Altre situazioni di ferrocarenza possono anche essere indotte da fenomeni di antagonismo da parte di alte concentrazioni di cationi bivalenti. La formulazione in microgranuli di FERROTER 53 evita polverosità e determina una immediata e totale solubilizzazione del prodotto senza lasciare grumi.

Dosi e modalità d'impiego (applicazione radicale):

ColtureDosi al terreno
(da preventivi a curativi)
Impieghi
Actinidia*Da 5 a 10 kg/ha
(20 - 50 kg/ha annui secondo bisogni e terreni)
Effettuare almeno 4/6 trattamenti a 5-7 kg/ha da pre-fioritura ad inizio settembre per un ottimale prevenzione della clorosi e per l’inverdimento interno dei frutti
FruttetiDa 3 a 10 kg/ha
(10 - 30 kg/ha annui secondo colture e terreni)
Effettuare almeno 2 trattamenti a 5 kg/ha alla ripresa vegetativa e/o al primo manifestarsi di clorosi per una ottimale prevenzione della stessa
ViteDa 5 a 10 kg/ha
(10 - 30 kg/ha annui secondo bisogni e terreni)
Effettuare almeno 2 trattamenti a 5 kg/ha alla ripresa vegetativa e/o al primo manifestarsi di clorosi per una ottimale prevenzione della stessa
Agrumi50 - 100 g/pianta
(secondo bisogni e terreni)
Effettuare più interventi frazionati durante la stagione vegeto-produttiva
FragolaDa 0,5 a 2 g/piantaRipresa vegetativa - prefioritura - allegagione
Orticole da pieno campoDa 5 a 15 - 20 kg/ha annui
(secondo colture e terreni)
Ripresa vegetativa - massimo carico colturale - o al primo manifestarsi di clorosi ferrica
Floricole, Ornamentali2-4 g/m2Al bisogno

* Per actinidia, dosaggi e impieghi sono riferiti alle varietà con polpa verde; per le varietà con polpa gialla si consiglia, in accordo con i propri tecnici di riferimento, la diminuzione o l’interruzione di apporti di ferro chelato ad inizio estate (o comunque al momento opportuno) per non incorrere in problematiche di colorazione del frutto non idonee alla commercializzazione.

Avvertenze:
Il prodotto è igroscopico e fotolabile, per cui se ne raccomanda l’impiego al riparo dalla luce solare diretta e la richiusura della confezione dopo un uso parziale. Lavare bene le attrezzature dopo l’uso, poiché la soluzione è corrosiva per i metalli.

Compatibilità:

Compatibile con gli altri fertilizzanti ad applicazione radicale.

Scheda tecnica di Ferroter 53